>

Comunicazione 7° edizione

Cari Amici di Un organo per Roma. si riparte!
PRESENTAZIONE della VII edizione
 
Parlare ancora dell’imbarazzante assenza dell’organo da concerto al Parco della Musica? Ebbene sì, lo faremo fino a quando il problema non verrà risolto. Roma non può più rappresentare il raro caso mondiale in cui un’orchestra sinfonica prestigiosa si trova nella condizione di non poter eseguire correttamente le varie opere del grande repertorio che prevedono l’organo obbligato, per la mancanza dello strumento vero ed essenziale, dovendo ripiegare su un clone elettronico. Mutatis mutandis, a quale grande pianista verrebbe in mente di suonare il quinto concerto di Beethoven su un pianoforte digitale?
Il progetto e festival “Un organo per Roma” è la voce di una coscienza che felicemente si sta risvegliando; anche dall’estero riceviamo manifestazioni di adesione morale a questa campagna: le persone sensibili ai fatti della cultura non possono rimanere silenti!
Questa VII edizione - fedele alla linea tracciata sin dal 2011 - tende a mettere in evidenza diverse sfaccettature, anche le più insolite, dell’organo nonché ad indicare sentieri poco praticati nel dialogo con altri strumenti.
Inizia quest’anno la serie dedicata a Bach principio generatore, in cui accanto alle grandi opere e ai corali per organo si ascolteranno composizioni in prima esecuzione ad essi ispirate.
Torna la prosa nel ricordo di Schumann, un viaggio musicale e letterario attraverso l’Album per la gioventù, eseguito all’organo e al pianoforte.
Nel 200° anniversario della nascita rendiamo un doveroso omaggio a César Franck con due sue celebri pagine: la Grande Pièce Symphonique per organo e la Sonata per violino e pianoforte nella versione per violoncello e pianoforte.
Non mancano le trascrizioni persino un po’ ardite come quelle su Liszt, Ravel e Musorgskij accanto al classico Gloria di Vivaldi e alle Sonate da Chiesa di Mozart.
Assieme al Conservatorio Santa Cecilia e all’Associazione Camerata Italica, promotori della manifestazione, ci saranno come sempre l’Accademia Filarmonica Romana e l’Associazione Nuova Consonanza, prestigiosi enti musicali romani, cui si aggiunge il patrocinio della Società Dante Alighieri, dell’Accademia Tedesca Villa Massimo e, da quest’anno, dell’Istituto Enciclopedia Italiana Treccani.
Questo impegno collettivo - ricordiamo che tutti gli artisti partecipano gratuitamente - ci sta avvicinando sempre più all’obiettivo finale: la restituzione alla Capitale del grande organo da concerto tuttora assente al Parco della Musica.

Giorgio Carnini